Ciao amici, oggi propongo una ricetta pensata per i più piccoli, delle polpette fatte con farina di lenticchie e triglia, un modo divertente per far mangiare ai nostri bimbi il pesce che spesso alla vista per loro non e’ molto invitante, e grazie alle stringente, un formato di pasta ibrido tra le bavette e gli spaghetti diventa un piatto completo anche a livello nutritivo, adatto alla crescita, inoltre questa ricetta ha anche conquistato mio marito e quindi buona per tutti!!!

Questa ricetta e’ stata pensata per il concorso Un Mare di Marche, al quale partecipo grazie all’Associazione Italiana Food Blogger di cui faccio parte, dove ho ricevuto la menzione per creare la  “Miglior Ricetta per Bambini”, e devo dire che e’ stata una bella occasione per trovare un nuovo modo per invogliare la piccola V a mangiare il pesce, per la ricetta ho scelto la triglia che e’ un pesce che va pulito bene perché ha molte lische ma vi assicuro che ne vale la pena perché e’ ricco di omega 3, ferro e fosforo ed e’ un pesce magro.

Ingredienti (dosi per 2 persone):

100 gr Patasibilla – Patata a pasta gialla dei monti Sibillini

100 gr Lenticchia dei Sibillini

2 cucchiaini di Paté a base di Oliva Tenera Ascolana bio

160 gr Pasta – Stringhette artigianali realizzate con grano di montagna

100 gr di Filetti di Triglia – Mullus barbartus

200 gr di salsa di pomodoro

Olio Extra Vergine di Oliva – Monocultivar Ascolana Tenera bio q.b.

Sale grosso per acqua della pasta

Farina di mais per la panatura

Tempo di preparazione 1 ora:

Iniziate dalle patate, sbucciatele e tagliate a pezzettini, lessatele in abbondante acqua salata, diciamo per 15 minuti, si devono schiacciare completamente.

Passiamo alla farina di lenticchie: tritatele in un frullatore fino a farle diventare una farina, aggiungete le patate schiacciate, la triglia tagliata a pezzi, il pate’ di olive, un pizzico di sale e tritate il tutto in modo che diventi un impasto omogeneo, lasciate riposare per 15 minuti con cellophane a contatto.

Ora create le polpette aiutandovi con due cucchiai, create le polpette passatele nella farina di mais, le dimensioni saranno a vostro piacere, ma non esagerate altrimenti i vostri piccoli si spaventeranno, una volta preparate tutte le polpette, in una padella calda mettete 1 cucchiaio di olio aspettate un minuto e poi aggiungete le polpette, fatele rosolare bene da tutti i lati, abbassate il fuoco e aggiungete la salsa di pomodoro a vostro piacere, mettete il coperchio e lasciate cuocere a fuoco basso.

Ora la pasta, scaldate abbondante acqua per la cottura delle stringhette, mettete circa 8 gr di sale grosso per litro d’acqua, quando l’acqua bolle buttate la pasta, fate bollire per 10 minuti, prima di scolare l’acqua di cottura mettene un mestolo nella padella delle polpette, ora potete scolare la pasta e spadellarla con le polpette per un paio di minuti.

Ora non vi resta che impiattare, vi sconsiglio di aggiungere il prezzemolo, anche se io l’ho messo per la foto e sinceramente ci starebbe molto bene, ma sappiate che i bambini non amano il verde, per questo al posto del prezzemolo nell’impasto delle polpette ho messo il pate’ di olive taggiasche che gli dara’ un ottimo gusto fresco.

Se desiderate potete spolverare con della frutta secca tritata, io ho aggiunto i semi di girasole tostati alla salsa di soia che la mia bambina ama alla follia, ed ora non mi resta che dirvi…Buon Appetito.

I Consigli della Chez:

Quando si parla di pesce io amo andare sul sicuro, per questo ho sfilettato la Triglia, ho tolto bene le lische con la pinzetta, e l’ho messa sottovuoto e in congelatore per almeno due giorni, per evitare anisakis, anche se riguarda il pesce azzurro, ma non si sa’ mai, tutti i ristoranti seri lo fanno e pure io:)

La triglia e’ un pesce piccolo e quindi ha meno metalli pesanti, problema che riguarda il pesce di taglia grande come il tonno e lo spada, inoltre costa meno perché e’ uno dei pesci che viene usato meno, per il problema lische.

Parliamo delle lenticchie che ho voluto aggiungere come farina, ho cosi’ aggiunto altre proteine buone ed ho trovato un modo alternativo di usarle, e anche loro diciamo la verità sono difficili da far mangiare ai nostri piccoli:)

Approposito di pesce date un’occhiata alla ricetta fatta per il Garda Cooking Cup, Pesce utilizzato il Lavarello.

Facebook Comments