Ciao amici, questa settimana vi propongo una pasta senza glutine condita con degli ottimi funghi, ho scelto i Pioppini e le Meline, i primi sono eleganti e gustosi e le seconde le amo fin dall’infanzia quando la mia nonna materna, me le preparava fritte! Dovete sapere che i miei nonni assieme a tutti i loro figli, compresa mia mamma, coltivavano meline, in un capannone tuttora esistente, lunghe file di sacchi forati da dove spuntavano questi enormi funghi, io mi divertivo a percorrere tutte le file, toccare e spesso rompere questi funghi, ora pero’ li maneggio come fossero di porcellana.

Ricordo benissimo l’umidità del capannone e la mitica “bassacuna” cioè la bilancia, dove venivano pesate le cassette e poi vendute, ma l’immagine più bella e’ quella delle cene con tutti, nonni, zii e cugini, dove dopo una lunga giornata di lavoro passata anche al freddo, la mitica Nonna Adriana portava in tavola le meline fritte, e anche melanzane, fiori di zucchina, fantastiche…ecco ora che sono più’ grande io vele in una versione meno grassa, ma ugualmente buona, eccovi la ricetta.

Ingredienti per 4 persone:

320 gr di Pasta di riso

250 gr di funghi Pioppini

400 gr di meline

Sale, pepe, olio evo, prezzemolo

Tempo di preparazione 20 minuti:

Scaldate una padella, poi aggiungete 1 cucchiaio di olio evo, aggiungete le meline che avrete solo pulito dalla parte finale tagliandola via, aggiungete sale e pepe e fate ben rosolare, per mantenerle calde potete metterle in forno ventilato a 160 gradi.

Fate bollire 4 litri di acqua e aggiungete 20 gr di sale grosso integrale, quando l’acqua bolle tuffate le vostre penne, le fate bollire per il tempo di cottura indicato nella confezione, meglio un paio di minuti in meno, per poi poterle spadellare con il condimento.

I Funghi Pioppini vanno puliti maneggiandoli con cura, tagliate solo la parte in fondo, li sciacquate dentro un colino velocemente in acqua fredda, scaldate la padella e poi 1 cucchiaio di olio evo, spallate velocemente.

Ed ora aggiungete la pasta scolata con mezzo mestolo di acqua di cottura, aggiungete le meline il prezzemolo ed impiattate. Buon appetito.

I Consigli della Chez:

Sensibilità al glutine, una storia attuale ma molto antica: il grano antico che esisteva all’epoca dei ROMANI, detto piccolo, conteneva 7 paia di cromosomi, mentre il farro comparso nel MEDIOEVO, detto spelta, ne conteneva 21 come i grani utilizzati ora, il nostro organismo riesce a digerire grani che hanno 7 coppie di cromosomi, il nostro sistema enzimatico e’ adatto solo per tale numero di cromosomi, solo il gruppo sanguigno A ne tollera di più, per questo mangiarne meno fa bene a tutti.

Bibliografia: Alimentazione senza glutine e latticini di Marion Kaplan.

Lo sapevate che i Funghi sono chiamati “carne vegetale” in quanto hanno un apporto proteico tra i 30gr e 100gr mentre la carne ne contiene 15-20 gr, ideali per chi ha una dieta a base vegetale, inoltre contengono molti minerali, sono anche degli stimolanti cerebrali.

Bibliografia: Cura delle malattie con ortaggi, frutta e cereali di Jean Valnet.

Il prezzemolo sara’ anche anni 80 ma oltre a dare colore vi ricordo che ha delle proprietà immense: Depurativo, Disintossicante, Diuretico, Rigeneratore Capillare, anti Nervosismo e stimolatore cerebrale, quindi vi consiglio di abbondare specialmente quando e’ di stagione.

Bibliografia: Cura delle malattie con ortaggi, frutta e cereali di Jean Valnet.

Se volete approfondire date un occhiata all’articolo che parla del corso di cucina Gluten Free che ho fatto!

Facebook Comments