“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!
“Papa’ del gnocco Bowls!” Un piatto di gnocchi ricco di colori e di nutrienti!

Ciao amici, finalmente metto nuovamente mano al mio amato Blog che mi ha portato nel giro di due anni, dalla cucina di casa alla cucina dei ristoranti, alle case dei clienti, alle cantine, alle Aziende Agricole e in questo caso nella cucina della Fiera di Pordenone E’ Cucinare, arrivata alla sua sesta edizione, per me la seconda sia come Blogger amica e sia come Cuoca che cucina per un Cooking show.

Ho deciso il piatto da realizzare con la volontà di dimostrare la crescita professionale maturata nell’ultimo anno mantenendo il grande attaccamento alla mia terra di origine e ai suoi prodotti ma con uno sguardo a quello che in questo momento piace molto al gourmet Millenials…per questo ho pensato alle Buddha Bowls, e sapendo che il nome e’ inspirato alla pancia del Buddha ho pensato: “chi potesse avere una tale fisicita’ nella mia bella Verona?” Il Papa’ del Gnocco! Direi che siamo in super tema visto che da poco e’ passato il venerdì gnoccolar!

Mi hanno accompagnata in questa esperienza la mia grandissima spalla, e cioè Eugenio che oltre ad essere mio marito e’ colui che ha permesso e permette tutto questo, ed un amico, un collaboratore e con mia grande gioia anche uno dei membri del mio Staff, parlo di Davide Mantovani un ragazzo giovane, intelligente ed educato, esperto del riso, blogger anche lui, ha vissuto e lavorato a New York dove accompagnava i giovani a fare esperienza e a raccontare dei nostri prodotti tipici, tra cui ovviamente il riso, ideatore di molte iniziative all’interno della Fiera del Riso e non solo, ha lavorato per Expo, e con una grande passione per gli allestimenti, si vede che mia piace…Davide grazie per essere anche tu un mio grande sostenitore lo sono anche io di te!

E adesso bando alle ciance ed eccovi la ricetta…

Ingredienti per 4 persone:

Per gli gnocchi:

600 gr Patate

100 gr Farina 0

50 gr Farina di Riso Nero Beppino

Anice stellato, bacche di ginepro e chiodi di garofano a piacere

Per le verdure:

1/2 cavolo cappuccio viola

1/2 sedano rapa

100 gr di spinacini freschi

Aceto di mele

2 cucchiai di miso

1 cucchiaio di salsa teryaki

Sale, pepe e olio evo

Succo di limone

Tempo di preparazione 60 minuti:

Iniziate dalle patate, sbucciatele (tenete le bucce) e  tagliatele in pezzi piccoli più o meno delle stesse dimensioni, fate bollire dell’acqua con dentro sale, e le spezie: anice, chiodi di garofano e bacche di ginepro, quando bolle aggiungete le patate e fate cuocere per 30 minuti finche’ non diventano belle morbide che si sfaldano, filtrate l’acqua di cottura e tenetela.

Ora preparate tutte le verdure, il cavolo cappuccio viola lo tagliate alla mandolina e lo marinate con aceto di mele, olio, sale, pepe e del succo di limone, mescolate bene, ora passate al sedano rapa e grattugiatelo con i fori larghi della grattugia, anche per questa verdura preparate una marinatura con salsa teryaki e olio ed amalgamate bene con il sedano rapa, gli spinaci vanno lavati per bene e saltati in padella per un paio di minuti con sale, pepe e olio.

Passiamo agli gnocchi, fate raffreddare le patate e poi schiacciatele per bene, impastatele con la farina e se vi sembrano sciape aggiungete un pizzico di sale, potete dare la forma che preferite io amo le sfere ed anche per rispettare il nome del piatto ho fatto in modo che ci fosse appunto una bowls nel piatto.

Fate bollire abbondante acqua salata e gettate gli gnocchi, quando salgono a galla fate proseguire la cottura per 5 minuti, anche 8 se necessario, per la regola che in cucina non si butta via nulla le bucce di patata le potete friggere in due dita d’olio all’interno di una padella, ed ecco il mio tocco personale: fate sciogliere il miso nell’acqua di cottura delle patate e scaldatelo ma attenzione non fatelo bollire, la temperatura ideale sarebbero 65 gradi, componete il piatto mettendo gli gnocchi al centro, il sedano rapa ed il cavolo cappuccio ai lati e cosi’ anche la buccia fritta, ora aggiungete una foglia di spinaci e del brodo di miso, ed ora Buon Appetito.

I Consigli della Chez:

Le Buddha Bowl sono un insieme di ingredienti equilibrati, sani e ricchi di nutrienti, parliamo sempre di correnti che arrivano dall’oriente dove e’ nata la macrobiotica, la mia versione, pur essendo completamente diversa come aspetto, rispetta molto la filosofia del piatto originale, in quanto abbiamo delle verdure selezionate e trattare pochissimo affinché mantengano le loro grandi proprietà antiossidanti, antitumorali, drenanti, depurative, ricche di ferro e potassio.

Le spezie che ho selezionato hanno delle grandi potenzialità in quanto sono carminative, anestetiche ed aiutano il processo digestivo, e perché no il chiodo di garofano lascia anche un alito profumato.

La vera bomba nel piatto e’ il Miso, e’ il risultato di un processo di fermentazione, in  questo caso del riso rosso, e’ ricco di fermenti vivi in una maggiore quantità rispetto allo yogurt, che aiutano al rafforzamento delle difese immunitarie, in un mondo dove tutti i prodotti per una sicurezza alimentate sono pastorizzati, sterilizzati, e quindi morti, per questo il suo utilizzo e’ consigliato a temperature basse per non uccidere gli organismi viventi che sono presenti. Il miso e’ inoltre una grande fonte di proteine ideale per chi ha una dieta povera di cibi di origine animale, essendo molto sapido attenzione al sale, assaggiare e’ il piu’ grande consiglio.

Finito il cooking show abbiamo visitato la Fiera, che per me rimane una delle più eleganti e curate viste finora, ci siamo fermati a bere una Birretta allo Stand del Birrificio artigianale il Maglio, dove abbiamo degustato una Summer Ale ed una Best Bitter, ma con questo piatto, considerata la sapidità del miso ed il tostato della farina di riso nero, consiglio:

La Saison: Birra artigianale ad alta fermentazione di colore biondo carico. Corpo medio, amaro gradevole e sentori speziati.

INGREDIENTI: acqua, malto d’orzo, frumento, luppolo, lievito 6,2%Vol.

Ed ora se siete interessati a qualche altra ricetta vi consiglio la ricetta dello gnocco con la farina di Mais.

Facebook Comments