Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!
Malvasi Panacea dell’Arte nel progetto ArtCiocapiat!

Narra la leggenda che il padre di Catullo ospito’ Giulio Cesare nella propria dimora a Sirmione per quietare il suo animo turbato dagli epigrammi scritti dal figlio, ed il nettare degli dei offerto in quella occasione venne definito da Giulio una panacea…

E’ durante la notte del 15 Dicembre che la storia si ripete in occasione della presentazione del progetto Artciocapiat, dove Daniele Malavasi ospita nella sua cantina 20 artisti del Movimento I Tow Arte che hanno potuto esprimere tutto il loro estro nel dipingere 60 bottiglie, e grazie al Lambrusco frizzante IGT critici, giornalisti, artisti, blogger e viticoltori trovano pace e gioia nella convivialita’ della serata.

Il movimento dell’Arte Italiano e la Cantina Malavasi hanno una prima cosa che li accomuna e cioè il fatto di essere realtà giovani ma gia’ affermate, la seconda invece e’ la volontà di dare opportunità agli artisti di realizzare opere e di poterle esporre in contesti diversi.

Malavasi ha fornito le tele con le sue bottiglie satinate della linea Ciocapiat, il desiderio di Daniele e’ quello di stupire di essere innovativi e di mantenere una linea frizzante come il suo Lambrusco che gli ricorda il periodo della sua giovinezza, tempo in cui puoi rischiare ed accogliere tutto con un pizzico di follia.

I Town Arte, movimento fondato dall’artista Walter Xausa un paio di anni fa, ha reclutato 20 artisti che hanno contribuito dipingendo 3 bottiglie ognuno, unica regola: seguire il proprio istinto ed il proprio stile, il desiderio ora e’ che queste bottiglie, pezzi unici, possano andare lontano portando con loro il nome Malavasi che ha subito detto SI a questo ambizioso progetto.

Ogni bottiglia porta in se un messaggio lanciato nell’oceano del mondo dell’arte e del vino che raggiungerà sguardi e persone di cui ancora non conosciamo identità!

La serata, trasmessa in diretta streaming sul sito di I Town Arte , e’ iniziata con un’introduzione a cura del critico Riccardo Bartoletti che ha presentato il progetto con note storiche e poetiche, successivamente Daniele Malavasi ha spiegato e trasmesso l’entusiasmo con il quale ha accolto l’iniziativa ArtCiocapiat nata da Walter Xausa, anche lui al tavolo in conferenza, ultimo a parlare ha dato a tutti la sua visione dell’arte che si e’ concretizzata nel movimento, che grazie anche all’App I Town coinvolge tutti i comuni del Lago di Garda e riesce a contattare ed ottenere piazze e locali per regalare agli artisti visibilità che e’ la cosa che nutre chi ammira e chi realizza Arte.

Tutti gli artisti sono stati presentati ed hanno mostrato le loro bottiglie, tra risate ed un pizzico di emozione, il tutto si e’ concluso nel migliore dei modi, tutti intorno ad un tavolo sorseggiando Lambrusco e scambiandoci sorrisi ed opinioni, gustando un ottima cena a cura della brigata capitanata da Mamma Ames.

Sono anche io onorata di fare parte di questo movimento perché credo e sostengo le persone che provano a fare nella vita quello che a loro piace senza avere paura e credendo nelle loro capacita’, anche mettersi in gioco e’ un Arte ed e’ forse la più difficile da realizzare.

Stay Tuned amici perche’ sentirete parlare di questo progetto soprattutto perché mancano ancora 40 bottiglie per arrivare alle 100 prefissate…

 

Facebook Comments